cassa integrazione e concorrenza sleale_blog

CONCORRENZA SLEALE E CASSA INTEGRAZIONE: L’INDAGINE

La cassa integrazione rappresenta un periodo di precarietà, instabilità e incertezza nella vita professionale di un lavoratore. Cercare nuove prospettive occupazionali è lecito, ma senza commettere concorrenza sleale. La Wood Processing Spa, storica azienda produttrice di macchinari per la lavorazione del legno, sta passando un periodo transitorio di difficoltà finanziarie; perciò, decide di…


CONTROLLI DIFENSIVI SUL DEVICE AZIENDALE: DOVE FINISCE LA PRIVACY?

Un device aziendale è uno strumento che viene consegnato ad un dipendente al fine di condurre la propria attività lavorativa. Questi dispositivi sono di proprietà aziendale, pertanto il lavoratore deve utilizzarli secondo gli accordi stipulati e seguendo le policy aziendali. Capita spesso che, di fronte alla consegna di uno smartphone nuovo e di ultima generazione, i dipendenti possano…


COME LICENZIARE I DIPENDENTI DISONESTI? CONTATTA L’AGENZIA INVESTIGATIVA

Licenziare non è facile, ma di fronte al reiterarsi di comportamenti illeciti o dannosi, ai conti che non tornano o al fondato sospetto verso strani comportamenti, il datore di lavoro ha il diritto e il dovere di mitigare il danno allontanando il dipendente disonesto. Il datore di lavoro può comminare il licenziamento per giusta causa quando un dipendente compie delle azioni talmente gravi da…


FURTI E VIDEOSORVEGLIANZA OCCULTA: COME TUTELARE IL PATRIMONIO AZIENDALE

Secondo uno studio del 2019 condotto dalla CGIA di Mestre, ogni 6 minuti si verifica un furto presso negozi o aziende italiane, con un costo economico per gli operatori commerciali stimato intorno ai 3,3 miliardi di euro all’anno. Spesso questi ammanchi sono legati a furti e taccheggi compiuti da soggetti esterni, ma occorre tenere in considerazione anche le condotte illecite dei dipendenti. Una…


controlli difensivi dipendenti

Lavoratore infedele o scorretto? Legittimi i controlli degli investigatori privati

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, nella sentenza n. 8373/18 depositata il 4 aprile 2018 chiarisce la legittimità del licenziamento del dipendente le cui condotte configurino un’ipotesi di illecito e vengano comprovate da un’attività investigativa tramite controlli difensivi. Di fatto lo Statuto dei Lavoratori all’art. 2 non preclude al datore di lavoro, che nutra il sospetto di condotte…